Home | Elenco iscritti | Elenco scuole | Aggiornamento | Supervisione | Eventi | Iscrizione | Esame di iscrizione | News | Rassegna stampa

Vai alla home page
Oggi è mercoledì 26 luglio 2017

   .: Iscrizione
   .: Esami
   .: Assicurazione
   .: Definizione di counseling
 
   .: Cerca un socio
   .: Informazioni utili
   .: Linee guida
   .: Sportello utente
 
   .: Elenco scuole
   .: Cerca un corso
   .: Promuovi un corso
   .: Formazione continua
 
   .: Chi siamo
   .: Cosa facciamo
   .: Gruppo dirigente
   .: Recapiti e contatti

Il counseling in scena


 
Capacità di ascolto, pazienza, comprensione e rispetto dei bisogni dell'altro, un linguaggio semplice e preciso ma che tocchi le corde emotive del paziente. In una parola, empatia: è questa la nuova “pillola” che ogni medico dovrebbe avere nella sua borsa, per migliorare l'efficacia di qualsiasi terapia, per curare e per curarsi. Un rapporto empatico medico-paziente aumenta infatti fino al 40% l'efficacia delle cure, migliorando l'aderenza ai trattamenti e diminuendo di quattro volte il rischio di effetti collaterali e ricoveri, con effetti positivi sui camici bianchi stessi: l'empatia in ambulatorio, aiutando a costruire un rapporto di maggior fiducia, taglia le denunce per malpractice e riduce il pericolo di sindrome da ‘logoramento in corsia’.

Lo rivelano gli esperti riuniti per il congresso nazionale della Società Italiana di Medicina Interna (SIMI), a Roma da oggi al 12 ottobre, sottolineando che sono troppo pochi i medici che hanno capito l'importanza dell'empatia: appena il 22% instaura un buon rapporto coi malati, spesso perché non ne ha neppure il tempo visto che una visita dura in media 9 minuti e già dopo 20 secondi di dialogo il paziente viene interrotto.

La buona notizia è che l'empatia si può insegnare attraverso lezioni frontali ed esperienze guidate in corsia: SIMI ha già proposto perciò di inserire nel corso di laurea in medicina e chirurgia un modulo di scienze umane, da seguire durante i sei anni di studio attraverso seminari e didattica teorico-pratica dedicata.

“Pochi pazienti vedono appagato il loro desiderio di dialogo col medico, che spesso è troppo frettoloso o “assente”: in media guarda lo schermo del pc o dello smartphone anziché la persona che ha davanti per i due terzi del già scarso tempo della visita – osserva Gino Roberto Corazza, presidente SIMI – Ascoltare le ragioni e le emozioni del paziente è invece il punto di partenza fondamentale per avere una visione più ampia e circostanziata della patologia e porre una miglior diagnosi, per prescrivere esami e terapie più adeguate che poi saranno seguite con maggior convinzione e attenzione: ognuno di noi ha bisogno di sentirsi accolto nella sua esperienza di malattia, sapere che il medico “ci capisce” innesca meccanismi che favoriscono l'aderenza alla terapia e perfino il miglioramento di parametri biologici”.

Numerosi studi hanno infatti dimostrato che un rapporto empatico medico-paziente rende più efficienti le cure in caso di malattie cardiovascolari, diabete, dolore e riduce lo stress, con effetti positivi sul benessere generale e sulle capacità di recupero. “Oggi sappiamo che le parole curano tanto quanto i farmaci, in moltissime situazioni. Purtroppo la nostra medicina iper-tecnologica sembra allontanare da un rapporto empatico medico-paziente, portandoci verso una de-umanizzazione delle cure – osserva Corazza – Il medico può essere portato a pensare che il suo ruolo si esaurisca nel proporre procedure avanzate e prescrivere trattamenti mirati, ma è vero il contrario: nel mare delle informazioni e delle possibilità offerte dal progresso medico, il malato oggi ha ancora più bisogno di essere guidato dal “suo” dottore. Che peraltro trae indubbi vantaggi da un rapporto più profondo, in cui si sforzi di guardare alle cose con gli occhi del paziente: diversi studi hanno dimostrato che i medici empatici hanno meno denunce per malpractice e sono meno esposti alla sindrome da burnout, l'esaurimento che è un pericolo concreto per circa otto camici bianchi su dieci”.

L'empatia però non è una semplice “emozione”, ma un evento cognitivo che può e deve essere insegnato e acquisito. In Italia la formazione medica è tuttora all'insegna del tecnicismo e della specializzazione: per questo la SIMI ha proposto di inserire nel percorso di laurea in medicina e chirurgia un modulo di scienze umane, da affrontare a più riprese nell'arco dei sei anni – commenta Franco Perticone, presidente eletto Simi - L'obiettivo è approfondire temi come bioetica o psicologia clinica attraverso seminari, didattica teorico-pratica a piccoli gruppi ed esperienze “sul campo” in reparti e ambulatori. Questo potrà insegnare ai futuri medici come ascoltare i malati e recepire i loro segnali di disagio emotivo, per migliorare il rapporto medico-paziente a tutto vantaggio di entrambi”, conclude Perticone.

titolo: Le parole del medico curano come i farmaci. L' empatia riduce ricoveri e migliora cure del 40%
autore/curatore: Redazione
fonte: Salute H24
data di pubblicazione: 10/10/2015
tags: corazza, empatia, interna, medicina, parlare, perticone, simi, counseling

Home | Privacy | Note legali | Sportello utente | Contatti | Partnership | RSS

© 2009-2017 AssoCounseling. Codice fiscale 97532290158. Tutti i diritti riservati.